Si avvicina il Natale , tempo di pranzi ricercati e di brindisi. Vi diamo alcuni consigli sulla scelta dei vini tratti dal “Manuale per aspiranti intenditori” che vi potranno essere utili.

Per prima cosa è importante sapere che né il sommelier, né il negoziante e nemmeno il produttore hanno colpa se il vino sa di tappo. Se dovesse capitare però potete farvi sostituire la bottiglia senza indugi.

Il fatto che il vino sia imbottigliato presso il produttore è, in genere, un buon segno.

Per maturare un vino ha bisogno di oscurità, fresco, umidità e calma!

La controetichetta permette di aggiungere informazioni sul vino e sul vigneto.

Come riconoscere un buon vinaio:

Non si orienta verso il vino più costoso se gli date una forbice di prezzi. Deve potervi proporre un vino nella media, che sia una fascia alta o bassa

Nel momento in cui chiedete informazioni sulla bottiglia non si mette a leggere l’etichetta. Deve sapervi citare il nome del produttore e, meglio, darvi qualche informazione sul vigneto.

Può mostrarvi il suo vino del cuore del momento. Infatti beve i vini che vende e ha le sue preferenze;

ha in vendita qualche buon vino comune. Non può eliminare certe tipologie con il pretesto che non hanno una grande reputazione: in tutte le denominazioni esistono vini formidabili!

 

Buona scelta e salute a tutti!